pinterest

VELUX e l’Active House Alliance: un protocollo per la riqualificazione consapevole

Comfort, energia e ambiente: è a da questi tre concetti che ha preso il via il progetto Active House, promosso da grandi brand del mondo delle costruzioni, fra cui VELUX, e oggi diventato un protocollo internazionale per l’edilizia green

È a partire dalla consapevolezza sul ruolo dell’edilizia nel bilancio energetico globale e dal senso di responsabilità legato alle proprie azioni che VELUX ha partecipato attivamente alla definizione dei criteri legati al concetto Active House. Si tratta di una serie di principi costruttivi sui quali dovrebbero basarsi gli edifici del futuro, condivisi e applicati da una community internazionale, la Active House Alliance.Mettendo in pratica un approccio olistico che bilancia tre criteri fondanti – comfort, energia e ambiente – Active House si impegna a riqualificare gli edifici esistenti creando benessere per chi li abita e contribuendo al bilancio energetico globale. Una risposta concreta a una richiesta del mercato, come conferma Kurt-Emil Eriksen, General Secretary di Active House Alliance: “Il miglioramento del comfort in casa e la riduzione dei costi energetici sono i due motori principali quando si tratta di ristrutturare la propria casa: è quanto emerso dallo studio Healthy Home Barometer 2015, secondo cui esiste una domanda per edifici che sappiano combinare comfort, energia e ambiente“.

Come accennato poco fa, i tre principi alla base dell’Active House Alliance sono i seguenti:
Comfort: per un edificio che garantisca una vita più sana e confortevole;
Energia: per un edificio che contribuisca positivamente al proprio bilancio energetico;
Ambiente: perché l’edificio abbia un impatto ambientale positivo.

Oggi si contano 75 Active House, distribuite in 20 Paesi, di cui 31 monitorate con costanza e 14 con targa, a riprova dei risultati raggiunti. Si tratta di progetti in cui, ad esempio, la produzione di energia supera i consumi dell’abitazione, andando quindi in credito sul bilancio globale, e di involucri in cui l’inserimento di finestre di ultima generazione permette di rispettare i criteri di illuminazione e ventilazione naturali, a prova di comfort.

Se le iniziative Active House dedicate al residenziale sono ormai parte di un fluire costante, è fra le ultime novità l’applicazione del protocollo anche a spazi commerciali e uffici: VELUX China, infatti, ha applicato la filosofia Active alla propria sede, diventata un esempio sostenibile e una meta per progettisti e professionisti dell’edilizia. Solo nel 2017, infatti, si sono registrate 4.000 visite alla sede cinese VELUX, il cui edificio registra un consumo di energia pari al 10% rispetto agli altri involucri locali della stessa tipologia. E gli impatti positivi si traducono in benessere, tanto che l’azienda dichiara una riduzione dei giorni di malattia dei propri collaboratori dell’80%, da imputare soprattutto all’innovativo sistema di ventilazione dell’aria.
facebook pinterest email