pinterest
linkedin

Storie dalla mansarda – Come pulire le finestre per tetto

Già nel lontano 1942 è stata progettata per poter essere pulita non solo all’interno, ma anche all’esterno. Ed è più facile di quanto sembri!

Voglio essere sincera e dichiararlo pubblicamente. Ci sono lavori domestici che riesco a fare con leggerezza, altri che rimando finché non posso più farne a meno. Fra questi, svetta l’operazione “pulizia finestre”.

Io amo le finestre, per la vista e la luce, solo che non amo pulirle. E poi non ho ancora trovato il metodo vincente. Li ho provati quasi tutti: l’alcool, i panni speciali che non lasciano pelucchi, i detergenti ad hoc, la carta di giornale. Eppure al primo raggio di sole che batte sui vetri, eccolo lì, l’alone!

Però non mi arrendo e un paio di volte l’anno mi ci metto di buzzo buono. È quello il momento in cui pulisco le mie tre finestre per tetti.

Mi capita spesso di incontrare persone che mi chiedono “Ma come si puliscono le finestre sul tetto?” oppure “È vero che devo salire sul tetto per pulirle?


 

È più facile di quanto sembri

Se in casa hai una finestra per tetti VELUX sappi che già nel lontano 1942 è stata progettata per poter essere pulita non solo all’interno, ma anche all’esterno. E questo grazie a una semplice cerniera. In breve funziona così.

Tutte le finestre hanno una barra di manovra posizionata in alto. Serve per aprire il battente ma anche per ruotarlo di 180°.

Un chiavistello permette di bloccarlo e di pulire il vetro esterno. Da dentro!

Facile no? Finita la pulizia non devi far altro che sbloccare il battente e riportarlo nella posizione iniziale.

La cosa bella è che a lavoro finito il cielo è più azzurro che mai!

Guarda il video!

facebook pinterest linkedin email