pinterest
linkedin

Come aggiungere 20 metri quadrati in casa

Ampliare la propria casa, a volte, non solo è necessario ma anche possibile

I motivi per trovare nuovo spazio in casa non mancano mai. Si passa allo smart working e serve una stanza in più da usare come studio; arriva un bambino e bisogna predisporre una nuova camera; scatta una nuova passione, un hobby, e serve lo spazio per sbizzarrirsi: ampliare la propria casa, a volte, non solo è necessario ma anche possibile.

La prova concreta viene da un progetto specifico: ad Ancona, in una zona residenziale a breve distanza dal mare, una palazzina di quattro piani ospitava, all’ultimo piano, un appartamento distribuito su 90 metri quadrati e composto da una zona giorno con cucina aperta, due bagni e due camere da letto. Desiderio dei committenti era ampliarne la superficie e, per farlo, hanno sfruttato un asso nella manica. Ai 90 metri quadrati di superficie interna, infatti, ne corrispondevano quasi altrettanti di terrazze “a vasca”, cioè ricavate “ritagliando” il tetto a falda inclinata. L’idea dei proprietari, una famiglia che si stava allargando, è stata di chiudere parte delle terrazze per ricavarne i metri quadrati in più che stavano cercando.

In questi casi è fondamentale, chiaramente, programmare studi preliminari per capire se l’aumento di volumetria è compatibile con le normative regionali in vigore; solitamente il parere all’ampliamento è favorevole laddove ne corrisponda un miglioramento delle prestazioni energetiche dell’involucro o quando non si superi una percentuale corrispondente al 20% dell’esistente. Di Regione in Regione, tuttavia, cambiano le norme, anche relativamente alle altezze minime da rispettare, che variano fra i 2,40 m e i 2,70 m.

Cover Ancona

In questo caso il progetto rientrava nelle disposizioni normative regionali delle Marche e l’intervento ha preso avvio senza intoppi e avvalendosi di un cantiere “leggero”; la chiusura delle terrazze, infatti, ha richiesto semplicemente la coibentazione dei muri perimetrali esistenti, per garantire un adeguato isolamento termico, e l’inserimento di finestre per tetti VELUX affiancate a infissi verticali.

Archiviati gli aspetti normativi e di cantiere, l’ampliamento ha risposto non solo alla richiesta di aumentare lo spazio residenziale, così passato dai 90 metri quadrati iniziali agli attuali 110, ma ha anche incrementato il comfort dell’appartamento. Le nuove finestre sul tetto, infatti, nel garantire il rispetto dei coefficienti di illuminazione, assicurano anche altri aspetti altrettanto importanti per la salubrità dell’involucro e il benessere di chi la abita.

È stata incrementata la ventilazione naturale, fondamentale per combattere l’inquinamento indoor; è migliorata la qualità della luce che, dalla combinazione fra tipologie – zenitale e “classica”, proveniente dalle finestre a parete – garantisce una costante illuminazione naturale.

E, non ultimo, è sotto controllo, grazie agli accessori VELUX come schermature solari e tende, l’eccessivo irraggiamento solare, favorendo il contenimento della dispersione energetica.


 

Il prossimo passo è scoprire i benefici della luce naturale e dell’aria fresca nelle varie stanze della casa. Potrai scaricare gratuitamente le Guide VELUX di ogni stanza per capire come rendere la tua casa unica e salutare.

   SCEGLI LA STANZA   

facebook pinterest linkedin email